This website uses third party cookies to improve your experience. If you continue browsing or close this notice, you will accept their use.

Struttura e organizzazione didattica

Obiettivi: il master mira a offrire una formazione avanzata sulla prevenzione, gestione e mitigazione del rischio di corruzione nei settori pubblico e privato. Il corso intende formare professionisti ed esperti in grado di supportare e fornire consulenza a imprese e amministrazioni pubbliche, nell’elaborazione di strategie preventive e di sistemi di compliance e risk management in materia di corruzione.

Crediti riconosciuti: l’attività formativa è corrispondente a 60 CFU (Crediti Formativi Universitari). 

Titolo rilasciato: Diploma di Master Universitario di Secondo Livello. 

Durata: un anno accademico. A conclusione della didattica in aula, i partecipanti saranno impegnati nella redazione della tesi finale o di project work, e, previa disponibilità e selezione da parte delle strutture partner, nello svolgimento di un periodo di stage.  

Didattica: il master si articola in moduli tematici dedicati all’inquadramento, all’analisi e all’approfondimento delle strategie di prevenzione della corruzione e di compliance, nei settori pubblico e privato, con particolare attenzione ai profili sovranazionali e comparati e alle prospettive di sviluppo del fenomeno. Il percorso formativo prevede esercitazioni su casi pratici e un ‘laboratorio’ dedicato alla redazione di modelli organizzativi e piani anticorruzione, al fine di consolidare anche competenze e abilità di tipo operativo.

In dettaglio, l’offerta didattica è strutturata come segue:

I Modulo: L’evoluzione e le prospettive della disciplina di contrasto alla corruzione nella dimensione sovranazionale

  • Il contrasto alla corruzione in ambito internazionale
  • La lotta alla corruzione nel contesto europeo
  • Le sfide del futuro e i nuovi orizzonti della strategia anticorruzione a livello sovranazionale

II Modulo: La prevenzione e la gestione del ‘rischio corruzione’ nella Pubblica Amministrazione

  • La comprensione criminologica e sociologica del fenomeno corruttivo
  • I soggetti istituzionali competenti e i rispettivi ruoli nella prevenzione della corruzione nel settore pubblico
  • L’individuazione e la prevenzione del conflitto di interessi e del rischio corruttivo nella Pubblica Amministrazione
  • L’attività preventiva “multidirezionale” dell’ANAC: dai piani anti-corruzione alla nuova regolazione del settore dei contratti pubblici
  • I poteri pubblici di intervento sulle imprese “a rischio”   

III Modulo: La strategia penale di contrasto alla corruzione 

  • Il nuovo volto del delitto di corruzione
  • Il delitto di concussione. Un unicum nel panorama comparatistico
  • L’induzione indebita: una terza via tra corruzione e concussione?
  • Rappresentanza di interessi e rischio penale: il traffico di influenze illecite
  • La riforma della corruzione tra privati
  • I reati “spia” della corruzione  

IV Modulo: Modelli organizzativi e piani anticorruzione nei settori privato e pubblico

  • La responsabilità degli enti ai sensi del d.lgs. n. 231/2001
  • I compliance program e la “privatizzazione” della gestione del rischio
  • L’Organismo di Vigilanza: funzioni, poteri, composizione e profili di responsabilità
  • I piani triennali anticorruzione nelle Pubbliche Amministrazioni
  • La convivenza dei piani anticorruzione e dei modelli organizzativi nelle società a partecipazione pubblica  

V Modulo: Oltre i confini nazionali. Corruzione e concorrenza tra ordinamenti

  • Il contrasto alla corruzione in una prospettiva comparata. Alcune esperienze a confronto
  • La corruzione internazionale. Problemi e casi  

VI Modulo: Learning by doing. Dalla teoria alla prassi

  •  Laboratorio sulla redazione di un compliance program anticorruzione e di un piano triennale
  • “Parte speciale”: case study in materia di anticorruzione con focus su corruzione e appalti, corruzione e criminalità organizzata, corruzione e sanità 

Lezioni: l’orario delle lezioni è strutturato in modo da consentire ai partecipanti con impegni di lavoro di conciliare la frequenza del corso con l’attività professionale.

Le lezioni saranno articolate su due fine settimana al mese e si svolgeranno il venerdì (pomeriggio) e il sabato (mattina e pomeriggio).

Il corso avrà inizio a dicembre 2017.

Le lezioni si terranno presso la sede LUISS di Viale Pola 12.

La frequenza alle attività didattiche del corso è obbligatoria; assenze superiori al 20% (venti) del monte ore complessivo delle lezioni frontali comporteranno l’impossibilità di conseguire il titolo.